sabato 10 dicembre 2011

What I was looking for

In tutto questo tempo mi è capitato di incontrare spesso ragazze che mi interessassero, quelle che le guardi e ti viene voglia di farci due chiacchiere. Una in particolare l'ho conosciuta qualche mese fa, appena entrato all'università ad informatica. È tipo sul biondo, capelli a boccoli che le scendono dolcemente sulle sue magliette rosa. In qualche modo ho pensato dubito che mi sarebbe piaciuta, e ho fatto di tutto per approcciarla, per capire chi fosse e per riuscire ad avvicinarmi a lei.

Insomma diventiamo molto amici.. però poi le cose cominciano a non andare come dovrebbero. Le, per dirne una, ha già il ragazzo. Si, una specie di giullare grasso, ma che ci possiamo fare noi? Se a lei piace lui non c'è scampo. Finiamo comunque spesso abbracciati tra le sedie in legno dell'università. Eravamo intimi, in un modo o nell'altro.

Poi succede che per motivi vari io e lei dobbiamo separarci per qualche giorno, e oltretutto la vedo uscire con gente del tutto diversa, insomma se ne fregava del nostro tipo di rapporto. E voi direte: deve averti fatto male. No! Anzi! È forse stato anche un bene che siamo riusciti ad allontanarci in questo modo, sia per gli studi, per le lezioni e perchè cominciavo a crucciarmi per un eventuale futuro con lei. L'ho lasciata andare senza alcuno sforzo. E questo è accaduto non solo con lei ma con tante altre ragazze... Addirittura Alessia, che mi è stata vicina per 5 anni, è stata relativamente semplice da spazzare via.

...BUT THEN...

Succede che vado al linux day di gemona e incontro per puro caso una ragazza con il suo ragazzo, con il quale lega prima mio fratello e poi io, in maniera abbastanza superficiale.
Un giorno per caso entrando in asci vedo che c'è un'altra ragazza, bionda, rosa, lei. Si chiama Lara ed è un'amica della ragazza di prima. Ed è splendida.
Ho passato una domenica sera tenendola in braccio e chiedendomi un sacco di cose alle quali però non sono riuscito a darmi risposta, perchè una risposta non c'era. Soprattutto se ce l'avrei mai fatta a baciarla, tenendo conto che ho una specie di paranoia per quel genere di cose... paranoia che devo ancora superare. Ma non è stato quello il problema maggiore. Ci siamo salutati con un bacio sulla guancia (forse voleva qualcosa di più, forse no, dunno) e ognuno per la sua strada.

A questo punto della storia io dovrei farmi una partita a League Of Legends e dimenticare tutto in attesa di ulteriori sviluppi, e invece no. Mi stendo sul letto, completamente disteso, respiro tranquillo, occhi sbarrati in alto. Non ho dormito granchè. Mi giro mi rigiro. Passa la notte e comincia un altro giorno, io mi sento tipo strano mentre mangio, strano mentre studio, strano mentre gioco... C'è qualcosa che non quadra. E dopo qualche giorno ho capito: i miss her as hell! 
Lei mi manca. È diverso che con qualsiasi altra, lei mi manca veramente, sento che di lei mi posso fidare. Avrei voluto averla presa per mano, averle detto queste cose e averle fatto capire quanto è importante per me.

Voglio che questo sia il most amazing christmas ever. Voglio essere felice questo natale. Voglio che sia tutto perfetto. Voglio stringerla fra le braccia e dirle...

Nessun commento:

Posta un commento